Publishing

http://www.ustream.tv/channel/fede-cristiana


Home
Chi siamo
Chiesa Cristiana Evangelica Indipendente
Studi Biblici del Sud
Tele Fede Cristiana
שמע ישראל | Shema Israel
Visione G-12
Pastore Dino Cosenza
Fede Cristiana - Chiesa Pentecostale in Italia
Oggi Sposi
Gruppo Giovani
Missione Italiana per l'Evangelo
Solidarietà
Editoria
Contattateci
Agenda
Chiese Riunite Nel Nome Di Gesù

 

G12? No, thanks!

 

 


 

 


 


 MODULO PER CANCELLARE IL PROPRIO BATTESIMO CATTOLICO


 


 


 

Ho fatto una promessa - perché la fede ha cambiato la mia vita di Nicola Legrottaglie

 


Di prossima pubblicazione, su questa pagina, i lavori editoriali realizzati:


Un incoraggiamento a quanti vogliono vedere pubblicati i loro lavori (testimonianze, meditazioni, studi, predicazioni, ...).

scriveteci ....

LA SEGRETERIA


Articolo di Mario Luzzatto Fegiz sul Corriere della Sera di giovedì 27 settembre, 2007 sulla conversione di Ornella Vanoni:

Gesù mi ha cambiata. Sono diventata un' evangelica
Il battesimo, le funzioni e un nuovo cd con una dedica particolare


MILANO - A 72 anni Ornella Vanoni dedica un disco a Gesù. Si chiama «Una bellissima ragazza» e in copertina c'è lei, adolescente, 14 anni, bellissima ragazza appunto come il titolo della canzone scritta per lei da Carlo Fava che ha dato il via all' album («l'ha scattata mio padre a Paraggi, stavo sbocciando»). In copertina i ringraziamenti: a «Gesù con tutto il cuore, noi due sappiamo perché».
Quella che per decenni è stata un sex symbol della canzone italiana, la voce sensuale, da qualche anno frequenta la chiesa evangelica di Milano, canta nei cori, partecipa alle funzioni e ha anche condotto le ultime edizioni del festival dei canti religiosi al Palalido di Milano.

Perché una dedica a Gesù? «Ha cambiato la mia vita in meglio da quando l' ho accettato e mi sono affidata a lui. Per fare un disco bisogna star bene».

Ma quali sono le tappe di questa svolta? «Io ero cattolica, siamo tutti cattolici. In Italia si parla molto di cattolicesimo ma non c'è fede. Scarseggia la fede, religione ce n'è d' avanzo. Ho conosciuto un pastore evangelico che mi ha parlato di Gesù. Se avessi incontrato un prete cattolico altrettanto convincente l'avrei seguito. Il mio pastore, che è poi una donna brasiliana, mi ha sbattuto la faccia davanti allo specchio».

E quel che ha visto l'è piaciuto? «No. Oggi rinnego circa un buon cinquanta per cento delle mie scelte di vita. Era male e mi ha fatto del male».

Un cambiamento radicale: dalle passioni travolgenti, dagli amori che finiscono sui giornali alla totale dedizione a Gesù. Un bel cambiamento.
«Sì, e non del tutto indolore. Io mi sento come la Maddalena che appare in un quadro della pittrice Gentileschi. Questa Maddalena ha una lacrima. Due le spiegazioni possibili: la commozione per quello che ha trovato o il dolore per quello che dovrà lasciare».

L'incontro col pastore evangelico risale a oltre sei anni fa. «Io ricordavo il catechismo come qualcosa di noioso, la frequenza saltuaria a messa come puro formalismo. Oggi frequento il culto che comprende ringraziamento, adorazione e molta musica, anche rock. Le nostre funzioni sono allegre e ci sono tanti giovani sorridenti ed entusiasti».

Il risultato di questo percorso? «Una grande forza. Ho imparato ad amare follemente Gesù. Mi possono dire che non è mai esistito ma io lo sento nel mio cuore». L' età ha influenzato il nuovo percorso? «Credo di sì. A trent' anni vedevo la vita diversamente. Un anno fa mi sono battezzata. Gli evangelici si battezzano da adulti, quando c' è piena coscienza».

Come si sente ora? «Una mia amica mi manda degli sms e mi dice: "Gli anni passano, ma tu non cambiare più, resta quella che sei". Io sono l' esempio del fatto che si può cambiare».

Qualcuno la prende in giro. La più bella e la più desiderata, che ha fatto peccare con cattivi pensieri milioni di italiani, sposa Gesù. «Sì, qualcuno mi prende in giro. Ma io me ne frego e rido perché sto bene. Io voglio pace e tranquillità. Cerco intesa e affettività, non reggerei la grande passione cavalcante».

Ci sono altre ragioni per cui ha scelto gli evangelici, anziché la chiesa apostolica romana? «Non ho mai superato il senso di profondo ribrezzo per la copertura data per molti anni dal papato ai preti pedofili americani».

La Vanoni evangelizzata canta con voce giovane e cristallina, proprio come ci si aspetta dalla «Bellissima ragazza» della copertina. Un velo di tristezza qua e là. «Sono sola, ma vivo bene la mia solitudine. Mi manca ogni tanto l' abbraccio del maschio. Amo tanto mio figlio, i miei nipoti, i miei amici, e forse dopo tanti anni mi accetto, da sola senza lo sguardo di un lui» .


Una meditazione della sorella Marzia (chiesa di Domodossola):

 

Cari Fratelli noi conosciamo la storia di Giobbe, sappiamo che era un uomo retto agli occhi dell’Onnipotente, ma sappiamo ciò che di terribile accadde a lui ed alla sua famiglia.
Ora noi sappiamo anche il perché ma Giobbe in quei momenti non poteva comprendere, e quindi si poneva delle domande su cosa avrebbe mai fatto per meritarsi una simile sorte.
Non fu l’unica domanda che Giobbe si pose, ve ne fu tuttavia una che lo rendeva maggiormente confuso.
Questa domanda anche io me la sono posta più di una volta: «Perché i malvagi, gli empi e comunque chi conosce il Signore e lo rinnega, appare ai nostri occhi felice?»
Tutto sembra andare loro per il meglio, tutto è in loro favore, mentre a noi spesso e volentieri le cose non vanno come noi ci aspettiamo; ci sentiamo affranti, deboli, quasi fossimo nella stessa condizione di Giobbe.
Io non so se voi vi siete mai posti questa domanda, ma so per certo che l’Iddio mi ha risposto.
Ciò che le mie orecchie hanno udito, è stato davvero soddisfacente.
Così dice il Signore:
«Tu hai già ciò che chiedi, perché non hai rinnegato il Mio Nome.»
Ora noi dovremmo fermarci a riflettere su cosa possono essere rivolti i desideri degli empi: cose inique, materiali, vane.
Egli (l’empio) non chiede a Dio queste cose, ma occupa tutta la sua esistenza e le sue energie al fine di realizzare i suoi desideri, senza guardare in faccia a nessuno, nemmeno alla propria famiglia; ottiene invece tutto ciò con sotterfugi e meschinità di ogni tipo.
In questo troveremo una parte delle risposte alle domande che spesso ci poniamo; queste domande potrebbero essere le stesse che ci potrebbe porre una persona mentre sta ricevendo l’evangelo, il quale è confuso e vede le ingiustizie di questo mondo; pertanto noi dobbiamo essere in grado di ottemperare a queste domande con convinzione riguardo a quello che noi crediamo.
Ora la domanda che noi ci poniamo è: «Perché io non riesco negli obiettivi che mi sono posto?»
La risposta può forse sfuggirci, ma è lì semplice e chiara: «Quanto desidero quello che mi serve, e quanto mi serve, e quanto lo ricerco?»
Il Signore mi ha fatto comprendere una cosa bellissima, e mai più mi porrò queste domande inutili.
Io mi sono chiesta in modo particolare: «Quando sono felice davvero? Forse quando ricevo un dono materiale? Forse quando ricevo la parola di Dio? Cosa ricerco davvero, i doni della carne o i doni dello Spirito Santo?» Non mi sono mai soffermata a farmi davvero queste domande, ma ora so che il Signore sapeva in realtà che il mio cuore, queste domande se le era poste; ed egli ha risposto a questi interrogativi: «Tu da Me hai già avuto tutto.»
Tutto ciò che mi serve per vivere, lo stretto necessario, ma più di ogni altra cosa ho trovato la salvezza, il perdono dei miei peccati, l’amore di Dio; queste cose non si possono acquistare, ed il Signore me le ha date in abbondanza, ed il Suo Spirito Santo che è più prezioso di tutto l’oro di questo mondo.
Ora noi sappiamo che ricercando tutte queste cose e mettendole in pratica, noi otterremo anche altro: cose per la nostra carne, anche semplicemente un buon lavoro, ed uno stipendio.
È ovvio che una cosa non deve essere fatta in aspettativa dell’altra, ma che le cose che riguardano il Signore devono essere fatte con passione e desiderio.
Non potete immaginare la gioia che ho provato nello scrivere tutto ciò che Egli, il Signore, mi ha fatto comprendere; sentirmi utile al Signore, ecco lui mi ha risposto. Questo è ciò che io oggi ricerca il mio cuore: «Essere utile per il Signore, servirlo con tutta me stessa, solo che io questo non lo sapevo davvero.»
Ecco che il mio pensiero - sul perché l’empio ottiene - svanisce: io ho più di lui!
Di me dopo la morte rimarrà un segno nel Regno di Dio, dell’empio non resterà nulla.
Noi sappiamo che il nostro comportamento non gioverà a Dio ma solo a noi, così come i nostri peccati, non saranno un male per Lui ma un male per noi.
Apprezziamo dunque cari fratelli il Suo richiamo le Sue punizioni, perché Lui sa che vi sarà un ravvedimento della nostra anima; ma laddove non vi è la riprensione di Dio e tutto sembra andare bene, in realtà non è così, non ci sarà ne ravvedimento, ne salvezza.
A questo punto la domanda sorge spontanea: «L’empio ha davvero avuto tutto?»
Ora non pensiamo che Dio non provi piacere nel donarci anche cose superflue, se ci rendono felici, solo riconosciamo in Lui il dono per eccellenza.
Tutto ciò può essere ricondotto a Gesù quando dice: «Chi teme di perdere la propria vita, la perderà, chi invece la perderà a causa mia la ritroverà.» (Mt. 10:39).
Anche i beni materiali fanno parte della nostra vita, ma se non la dedichiamo a Gesù, verrà spazzata via e con essa ciò che con fatica abbiamo conquistato; ma viceversa, il valore della salvezza, dell’amore e del perdono, niente potrà togliercelo e la nostra fatica ed le nostre rinunce ai desideri del mondo, non sarà stato vano, ma sarà ricompensata, anche se parlare di rinunce con quello che ci viene dato in cambio mi rendo conto che, in realtà, non rinunciamo proprio a niente.

      Marzia Pinna
(+39) 327 6113146

 


 
DIZIONARIO di INGLESE
cerca:  
Inglese - Italiano  
Italiano - Inglese  


G12? No, thanks!

Francesco’s letter on G12

 

It’s with true pleasure that trough your translations about G12 after long time (five years have passed) I can find a confirmation, not only personal but also trough some other ministries.

I’m simply a believer looking for putting in practice our highest shepherd’s advice…

 

Long time ago I was one of a church I didn’t consider perfect even if perfectible, since the sound doctrinal teachings. One day some doctrinal news broke, imported from a far away country. During the presentations of these news, it was never occurred to me, I felt a strange embarrassment and a great sufferance…I read those manuals, those books that seemed to say some true things at the beginning, but I felt a strong spiritual opposition.

 

Believe me… I many times discussed myself but I couldn’t find any scriptural answers that could appease my embarrassment.

In the scriptures I found the opposite.

I was thinking of all the scriptures referring to the false apostles, false prophets and false visions…, but the worst thing has been that in the right time I was looking for talking to someone I was considered as a poor mad man…Many people told me: but what’s happening to you…? Till to keep me far away…

 

I concluded that those ones were too holy people fearing to contaminate themselves if speaking with me…

My best friends as well as my in-laws evangelized by me in the past years kept themselves far away from me.

The spirit of suspicion had come in…it was suspected that those who didn’t adopt the vision weren’t saved.

It needs to precise that G12 vision had to be put in practice entirely (adopt) as it was shown, without any change (adapted). I stop here…

And as you of course have understood, I didn’t lived it from the outside, here in Palermo.

 

Even if many people profess to be mistrustful, the fact remains that they sympathize with those who practice this doctrine, and lots of sincere brothers

let them be conducted on the pretext of being submitted to the “head authorities”, affirming the importance to be submitted because the Lord wants so and consequently if you are out of the truth, the blame will fall upon the conductors.

In the meantime people are bewildered and they don’t notice either that all the prophecies, dreams and visions… have never been fulfilled; and then if we would to enumerate how many times G12 vision has been modified, we would never end…

 

Anyhow I’m considered as a rebel and as a consequence only few people still are near me…

God bless you…and thanks for your translations.

Francesco

(in the name of many people writing us from all Sicily and North of Italy).

 


What PACS means

 

PACS is acronym of Pacte Civil de Solidarieté et du Concubinage (civil solidarity and cohabitation pact). It’s a contract concluded between two major people having different sex or same sex, who have between each other a stable couple relation with the purpose of legalizing their own union. The PACS is an alternative to the Christian and civil marriage. God has blessed marriage and family in it. He wants the relation between the married couple to be as the one between Christ and His church; this is the concept God has on marriage and family, concept that is in antithesis with what the PACS are and that as Christians we can not therefore accept.

This bill proposed by the present Government, tends to oppose to God’s original principles, by legalizing what is unnatural and in abomination to His eyes. As Christian we believe that homosexuality is not simply a physic hormonal disease or what else we can say about it, but also a spiritual disease, result of the world wildness, consequent of the sin, in which the earth collapsed.

God has made everything perfect and when He created the man, He created male and female; He did not made half male and half female.

You can be set free from this perversion trap, if you want, so we agree to help all those people involved in this negative attitude so that they can come out of
this embracing condition. So we can not accept as Christian the law acknowledgment because it is extremely bad for our future, with all the consequences that could influence still more a society as ours.


There are some ex homosexuals’ evidences who are now free from homosexuality, since they have permitted to God to act in their lives.
In conclusion, we can say that YES to the individual freedom against every discrimination, NO to the PACS.

Read and listen to some evidences of people come out homosexuality:

Andrea

Ex omosessuale  audio mp3

Giuseppe Basile audio mp3

Giuseppe Basile’ s Written evidence

Testimonianza di Francesco

If these evidences have convinced you, we invite you to click on the button to send you petition:  Entra e invia

 



TRASCRIVI ANCHE I TUOI SOGNI (E LE TUE VISIONI) E INVIALI AL SEGUENTE INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA:

dinocosenza@chiesaevangelica.info

 

Do not interpretations belong to God? tell me them, I pray you.


   Holy laughing? Danger of syncretism

 

I have found in the web this article affirming: “ Laughing and smiling about all things is an excellent exercise for happiness”.

Lots of evangelical brothers of mine should understand that certain cultures are stranger to the message of biblical revelation. Not all the things considered positive have their root in the revelation.
And yet few years ago we have been pointed out that the “new age” had been conquering the world and the churches were in danger! So we blare again the trumpet: “look out the syncretism (both religious and philosophical)”. Let Jesus be again the only way.
If you want to laugh…go to the circus, but do not confuse your heart, do not mix the right need of recreation or sound amusement with powerful, as well as decorous preaching of God’s word.

 

 

IL CONTROLLO DELLE EMOZIONI

Ridere e sorridere di tutto è una eccellente ginnastica per la felicità (l'immunologo Lee Barker insegna che il riso, componente della vita emotiva, riduce gli ormoni dello stress, come il cortisolo, stimola il corpo a produrre endorfine naturali mentre è utile a riequilibrare le difese immunitarie dell'organismo

 

prelevato da: http://xoomer.virgilio.it/eraldome/       

Premessa

Prima di tutto bisogna imparare a rendersi conto della presenza di una emozione negativa, di uno stato di emergenza o di un pensiero responsabile, senza sentirsi in colpa e senza reprimerli ma invece esprimendoli per prenderne le distanze, per combatterli e neutralizzarli o attenuarne almeno l'intensità, agendo:

- sia sul piano oggettivo dell'incontro con i fatti negativi della vita (perché si vivono pochi stati emozionali positivi, perché la civiltà moderna ci costringe continuamente lontano da una vita adeguata alla nostra natura biologica e genetica: sempre vicino a persone aggressive, capi prepotenti, colleghi pronti a invadere il nostro spazio; sempre con tanti problemi da risolvere uno dopo l'altro; ecc.);

- sia su quello eventuale soggettivo di difficoltà psicologica, per un persistente pensiero automatico condizionante interno, acquisito o innato, o caratteriale.

 

Il controllo oggettivo

 

Ponete gli amici al centro della vita 

Vanno però posti al centro della vita solo quei pochi amici che più apprezzate, che più rispettate, che siano naturali e non frutto di calcoli, che diano più piacere nello stare insieme, con i quali si ha più comunanza di esperienze, reciprocità e fiducia (che assorbono la porzione più rilevante di valore emotivo positivo cioè che hanno il più alto valore di capitale sociale).

 

Ridete e sorridete

Ridere e sorridere di tutto è una eccellente ginnastica per la felicità (l'immunologo Lee Barker insegna che il riso, componente della vita emotiva, riduce gli ormoni dello stress, come il cortisolo, stimola il corpo a produrre endorfine naturali mentre è utile a riequilibrare le difese immunitarie dell'organismo. Ad esempio, Seligman, 1990, ritiene che l'ottimismo possa influenzare la salute mantenendo le difese immunitarie più attive). In particolare: con il riso ci si allena a non prendere le cose troppo sul serio; con la risata ci si sfoga allentando le tensioni neuromuscolari provocate da un'eccessiva accettazione delle costrizioni sociali; alcune malattie, perfino mortali, quali il cancro, possono essere ostacolate nel loro corso da un uso massiccio di semplice ed ilare comicità; la terapia del riso sembra inoltre particolarmente efficace verso i malati di affezioni psicosomatiche (la psicologa Donata Francescato sostiene che ridere e sorridere porta a rendere di più nel lavoro, nello studio e nello sport. Ci si ammala di meno, si invecchia meglio e si ha una aspettativa di vita più lunga. Ridere migliora la funzionalità del sistema respiratorio mettendo in attività un numero enorme di muscoli, ferma lo stato d'ansia, rallenta il battito cardiaco, riossigena l'organismo. Perfino il rapporto di coppia trae giovamento dall'allegria che lo mantiene vivo e lo consolida). 

 

Tempo libero e vacanze

Disporre di opportuni momenti di "tempo libero" e "vacanze", in cui praticare attività lontane da ogni forma di stress, orientandoli per un benessere attivo ossia verso ciò che stimola sia il corpo che la mente per arricchire la conoscenza di sé e far sentire bene fisicamente e mentalmente: gite in montagna, gite in bici, frequenza di piscine, ascolto della musica, visite alle città o ai parchi, ecc. in compagnia di persone con cui ci si sente in armonia.

 

Consentitevi qualche follia personale

Consentirsi qualche follia personale. Magari nel vostro privato più privato, nel bagno di casa, in camera da letto, lasciate attivare, consentite, giocate, non inibite quei comportamenti, anche strani, incomunicabili, ma che vi rassicurano, liberandovi così da quelle tensioni che altrimenti rimarrebbero incapsulate dentro.

 

Fate un lavoro che amate

Fare un lavoro che si ama perché una persona che si ritrova a fare un lavoro che non ama, che lo sconvolge, a forza di sconvolgersi tutti i giorni si ammala. Se non lo avete, invece di continuare a considerare di quello attuale gli aspetti che non vi soddisfano, o a lamentarvi, caricando così di energia negativa i vostri pensieri e il vostro tempo, con grave danno per il vostro SI, imparate a visualizzare quello che vi piacerebbe e a mantenerlo, senza lasciarlo cadere come irrealizzabile, in modo che se diventasse reale possiate essere pronti per coglierlo al volo mentre si veda ogni problema che si incontra come una possibilità di dimostrare che potete farcela così ché una vita di tensione e disagio possa diventare in realtà una vita di sfida e di entusiasmo.

 

Tenere presente che di solito il porsi degli obiettivi provoca l'insorgere di stati di emergenza!

 

Non siate maniaci del lavoro. Sappiate rilassarvi alternando lavoro e divertimento!

 

Eliminate la continuità delle sollecitazioni provenienti dalla vita

Eliminare la continuità delle sollecitazioni provenienti dalla vita. In ogni caso non siate instancabili, presenzialisti o ossessionati dal successo o senza una vita privata. Concedetevi delle pause, senza pretendere di eliminare i rischi della vita perché allora se ne correrebbe uno ancora più grave che è quello di non vivere la nostra vita.

L'organismo, se non può prendere intervalli di vero risposo si logora molto prima di quello che è l'età anagrafica e muore prima o di infarto o di ictus o di tumore o di un'altra malattia. E' come se l'organismo, nello sforzo di concentrare tutte le sue risorse per soddisfare un certo tipo di richiesta, fattore di stress, sottraesse le forze a una parte essenziale di se stesso, il sistema immunitario, appunto! 

 

Aumentate il tempo per le emozioni positive

Aumentare il tempo per le emozioni positive. Basta solo aumentare del 20% ciascun fattore emotivo di valore positivo (tempo durante il quale si sta con gli amici, si ride, ecc.) per determinare l'80% del risultato positivo (legge di Pareto). Sarà sufficiente cioè concentrarsi sui pochi elementi più importanti di ciascun fattore per migliorare significativamente la felicità. Aumentare il tempo, anche di poco, durante il quale si e' più felici, per avere un grande aumento della probabilità di essere più felici in genere anziché vivere solo brevi attimi di intensa felicità con i quali si tende ad essere complessivamente meno felici. 

 

Evitare l'ascolto ripetuto di notizie catastrofiche!

 

Mettete l'arte in quello che fate

Mettere l'arte in tutto quello che si fa ossia quel tocco di fantasia e di inutilità che dà gusto all'esistenza, sapore alla vita, fa evitare di prendersi troppo sul serio e di cadere in un utilitarismo forsennato.

L'arte non è né competenza né tecnica. Non ammette nessun termine di riferimento, nessuna gerarchia, nessun giudizio. L'artista deve solo essere in linea con se stesso, avere solo voglia di esprimere qualcosa. Basta provare questa voglia, questo bisogno, come una pulsione profonda!

 

Diffidate delle evidenze e dei pensieri rigidi

Diffidate delle evidenze e dei pensieri rigidi maneggiando con precauzione la serietà al pari dell'importanza, in quanto tutto è importante e nulla è importante, tutto è relativo, evolutivo e complesso. 

Non dare retta al cervello lambico per cui tutto deve essere chiaro e netto, bene o male, triste o gaio, positivo o negativo, semplice o complicato!

 

Non mitizzate i soldi

Non mitizzare i soldi. Studi fatti sui popoli hanno dimostrato che il detto "più soldi si hanno più si e' felici" e' un mito (felicità nel senso di soddisfazione, ecc.).

L'utilità marginale del denaro declina rapidamente. Una volta che ci si e' abituati ad uno standard di vita più elevato, più denaro da' una felicità addizionale sempre più scarsa!

 

Combattete la sindrome da invecchiamento

Combattere la sindrome da invecchiamento vivendo il passare del tempo come attesa di fatti positivi, cercando motivazioni di vita più profonde di quelle che superficialmente finora ci hanno illuso col successo o deluso con l'insuccesso. Bisogna accettare serenamente il fatto che l'età porta con se determinati cambiamenti fisiologici, che non vanno drammatizzati, ma utilizzati a nostro vantaggio per raggiungere obiettivi complementari a quelli raggiunti nella prima metà della vita. Combattere, inoltre, regressioni di tipo comportamentale. Il deterioramento nell'aspetto esteriore contribuisce all'isolamento, all'abbattimento, alla non accettazione (sono in aumento gli studi sui legami esistenti tra la cura di se stessi e il rafforzamento delle difese immunitarie. Uno studio condotto negli Stati Uniti su alcuni schizofrenici, omogenei per età e livello socio-economico, dimostra che ogni patologia diventa più grave se le persone 

sono meno attraenti!), mentre una perdita di interesse in se stessi, nel mondo che ci circonda e nella vita riduce la capacità respiratoria. Un lungo studio sull'invecchiamento umano compiuta dai ricercatori del Gerontology Center di Baltimora è arrivato alla conclusione che la nostra vera età non è quella anagrafica, ma quella che dimostriamo di avere!

 

Regolarizzate il ciclo sonno-veglia

Da una ricerca americana, è risultato che dormire meno di quanto richiestoci dal nostro organismo contribuisce a farci invecchiare più in fretta in quanto aggrava le alterazioni fisiologiche che già si riscontrano con l'avanzare dell'età. Aggrava, in particolare, il disequilibrio di parametri ormonali e neurologici (si aggrava la produzione di cortisolo; l'ipotalamo riduce la secrezione dell'ormone TSH che stimola la tiroide; aumentano le alterazioni nella funzione del pancreas; ecc.). Anche secondo Elio Lugaresi, (Università di Bologna), con un ciclo sonno-veglia regolare viceversa, il nostro orologio biologico influisce positivamente sulla produzione ormonale che, come più volte detto, è la protagonista dei nostri singoli atti (lo stato di veglia vede la presenza degli ormoni dello stress adrenalina e cortisolo, che ci fanno sentire stanchi, che calano durante il sonno quando crescono il flusso sanguigno al cervello utile per la salute mentale, l'ormone GH della crescita e la melatonina). E' quindi fondamentale, per la nostra salute, che si ascoltino le esigenze del nostro corpo dettate dall'orologio biologico-genetico orientato con la luce e il buio. Non c'è un tempo normale per dormire. Il sonno è un fenomeno estremamente individuale, dipende dall'età e dalle caratteristiche psicologiche: a 40 anni si dorme in media 7 ore, a 50 si dorme in media per 6 ore; la persona estroversa, energica, ambiziosa dorme poco mentre il soggetto ansioso, creativo, un pò nevrotico dorme di più!

 

Il controllo soggettivo 

 

Liberatevi dai condizionamenti patogeni che occupano il cervello

Sono condizionamenti patogeni quelli derivanti da residui di comportamenti animali, quelli inculcateci dalla nostra cultura, quelli trasmessici durante l'infanzia, quando l'intelligenza era embrionale, quelli dovuti a un vissuto molto doloroso che non si ritenne possibile o opportuno manifestare, ecc. (per una loro eliminazione sono in genere necessari una forte motivazione e un aiuto esterno di un terapeuta psicofisioanalista perché il cervello del soggetto che ne è affetto, alla ricostruzione del quadro completo della volta in cui si è verificata la paura, che poi fu spostata su qualcosa altro, mette in moto tutto un meccanismo di fuga: mal di pancia, influenza, ecc.).

 

Psicoanalista e psicoterapeuta vanno vissuti a tutti gli effetti come medici giusti per curare la mente!

I più comuni sono:

- sensi di colpa allo stato latente, che spesso costituiscono una delle principali cause di emergenza (è durante l'infanzia che in genere compare, vero e proprio collante dell'addestramento del bambino: dato dai rimproveri che crescono man mano che cresce e che il bambino fisserà nella memoria come fatto di non essere bravo, giudizioso, ecc.). Smettere di vedere pagliuzze nell'occhio del vicino cercando di vedere le enormi travi nel proprio; saper accettare la propria imperfezione come un dono del cielo e non come una tara; utilizzare dei momenti di meditazione per passare in rassegna l'insieme delle proprie relazioni famigliari, professionali e di amicizia per tentare di scoprire tutti i sensi di colpa che nascondono (poi autoassolversi!);

- tabù da cui prendere le distanze, riflettendoci sopra, capendo come e in che misura ha potuto condizionare la vita e il pensiero fin dall'infanzia;

- drammatizzazioni (sono enfatizzazioni della realtà, che hanno fatto nascere o rafforzare appunto una emozione, come paura, o collera o depressione, usate per farci andare in una direzione voluta).

 

Rafforzate il carattere

Rafforzare il proprio carattere, ovvero la propria intelligenza emotiva, la propria capacità di resistenza a eventi della vita negativi, per minimizzare gli effetti negativi di eventuali geni di infelicità presenti nella chimica del proprio cervello.

L'intelligenza emotiva, ai fini del raggiungimento della felicità, è più importante di quella razionale immodificabile misurata con l'IQ!

Ciò potrà essere ottenuto regolando i propri sentimenti e impedendo che l'emozione prenda il sopravvento sulla capacità di pensare cambiando comportamenti abituali e modi di vivere errati mediante l'applicazione di opportune tecniche dipendenti dai vari tipi di persone. Esse sono:

- il rilassamento e la concentrazione è una tecnica particolarmente adatta per soggetti impazienti o pessimisti. Essa prevede: la respirazione lenta e rilassata, il rilassamento consapevole dei muscoli e la concentrazione deliberata della mente su un unico tema preciso in modo che i pensieri negativi, le sensazioni e le emozioni inquietanti si calmino. Questa tecnica regala inoltre all'organismo endorfine o ormoni del piacere che conferiscono sensazioni di benessere e resistenza al dolore, un dolce massaggio per gli organi addominali, che migliorano la loro efficienza, mentre il cuore pulsa più lentamente e la pressione arteriosa si abbassa: mettetevi comodi sdraiati sulla schiena; prendete coscienza dei suoni della stanza e di quelli lontani; inspirate l'aria che dovrà prima andare a dilatare l'addome per poi passare a riempire, lentamente e progressivamente, il torace, poi, altrettanto lentamente espirare; concentrate la mente su una parola, una immagine, una frase, anche molto semplice (mantra, una preghiera, ecc.) o una proposizione positiva, per esempio, che sia l'espressione sintetica e precisa di obiettivi che volete raggiungere; rallentate volutamente la respirazione; ........;

- la visualizzazione consiste nell'immaginare se stessi come si vorrebbe essere: immaginare la propria vittoria, immaginarsi magri, immaginarsi guariti, ...... 

Si va affermando l'opinione che "pensarsi magri" sia indispensabile per ridurre il peso eccessivo e mantenere quello ideale!

- la rivalutazione delle qualità personali. Date fiducia alle vostre doti, alle vostre capacità di analisi e di azione, alla vostra capacità di affrontare le difficoltà e il destino che vi è dato autocongratulandovi per ogni successo. Questo atteggiamento porta ad una serenità che facilita l'azione e la riflessione intelligente. Mette in condizione di sfruttare al meglio le proprie capacità personali. 

Perdere fiducia in se stessi porta un giovane a commettere sciocchezze, un vecchio a ripiegarsi su se stesso!

Per la legge di Pareto, se si aumenta anche solo del 10% la fiducia in sé, spesso si raddoppia la sua efficacia!

I messaggi di sfiducia, che colpiscono i sentimenti, le speranze, le legittime aspirazioni, che tolgono ogni motivazione, che rovinano i rapporti interpersonali, ecc., sono spesso ingigantiti per speculazione politica o di altra natura!

- la cura della comunicazione e dei rapporti umani.

Per imparare a comunicare in modo efficace occorrono: la conoscenza di sè e l'autoaffermazione!

Curare la comunicazione è sopratutto utile per soggetti solitari il rimedio per stabilire rapporti personali più gratificanti biologicamente necessari perché facenti parte del patrimonio genetico. Date spazio all'uomo biologico che è in voi, progettato per vivere con gli altri, a stare con gli altri, a corteggiare e a farsi corteggiare.

Gli uomini sono per natura creature politiche e sociali e non individui solitari ed egocentrici, per cui, per la maggior parte di loro, l'isolamento produce sintomi patologici di angoscia, un ripiegamento su se stessi, tristezza, frustrazioni e turbe psicologiche!

Fate vivere i bambini in un ambiente socializzante. La necessità di fare pettegolezzi sugli altri, al fine di valutarli e le esigenze cognitive del corteggiamento stimolano l'intelligenza, il linguaggio e l'abilità linguistica e sviluppano il neocortex. In altre parole, più sarà ricco l'ambiente esterno e più il cervello avrà connessioni neurali e diventerà più intelligente!

Una buona comunicazione dovrà essere ne aggressiva ne passiva che fa stare zitti e ribollire dentro, ma capace di rivelare chi siamo e cosa vogliamo, restando tuttavia sensibili ai sentimenti e alla situazione dell'interlocutore, per poter ottenere rapporti soddisfacenti, evitando sensi di incertezza, inadeguatezza e mancanza di controllo per paura dell'interlocutore o per timore di perdere il controllo della situazione o comportamenti autolesionistici (rifiutare di combattere, schivare il confronto, rifiutare di prendere partito, non dichiarare mai apertamente che disapprova o rifiuta il comportamento dell'interlocutore, accumulare risentimento, ecc.). Sono utili conoscere tecniche di comunicazione assertiva, tecniche del messaggio, tecniche di comunicazione a due vie, tecniche vocali non verbali, tecniche corporee, ecc..

 

 

 

Sigillo rappresentante i cinque ministeri cristiani (ideazione e realizzazione grafica: Dino Cosenza)


Un grande amore per la Sacra Bibbia

 

Per privilegiare la conoscenza di Dio

 

Che si è rivelato perfettamente in

Gesù Cristo


Il link che segue ti collega ad un sito web di miracoli ... da vedere e da commentare ...

 

 

The Synagogue, Church of All Nations Website - Prophet T.B. Joshua

 

 

Ultimo aggiornamento: 03-09-13


Home ] Su ]

Inviare a dinocosenza@chiesaevangelica.info un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Per donazioni bonifico bancario intestato a: Cosenza Leonardo IBAN: IT 16 B 05132 16404 704320029216
Copyright © 2006 Fede Cristiana - Chiesa Pentecostale in Italia
 
Mercoledì 10 Febbraio 2010 - 19:05.02